logogs

Prodotti News Come ordinare Download Assistenza Come contattarci Presentazione della GeoSoft Mappa del sito

 

ACCECALC

- Demo & Upgrade
- Presentazione PPT
- Manuale d'uso
- Esempi

 

- ACCECALC
- Ce.Ca.P.
- Clasrock
- Clu_star
- Dbsond
- Diadim
- Eletom
- Geomon
- Geosynth
- Happie
- I.L.A.
- Inquimap
- Insitu
- Intersism
- Isomap
- Liquiter
- Rock3d
- Rotomap
- Sid
- Vercam
- Well
 
 

geomeccanica - software di calcolo della stabilitÓ in roccia in condizioni sismiche  ACCECALC

Calcolo dell'amplificazione sismica

 

Analisi di stabilitÓ di pendii in roccia in condizioni sismiche valutando l'entitÓ degli spostamenti di un blocco di roccia sottoposto ad azioni di tipo dinamico, sulla base dell'andamento di un accelerogramma dato.
L'uso di un metodo di calcolo basato sull'accelerogramma di progetto nella verifica della stabilitÓ dei pendii in roccia consente di tener conto, al contrario di quanto avviene nei metodi di equilibrio limite normalmente utilizzati, della durata e dell'andamento dell'accelerogramma stesso, permettendo una stima maggiormente realistica degli effetti dell'evento sui volumi di roccia potenzialmente instabili.

Il programma richiede l'introduzione della geometria del fronte, dei parametri geomeccanici della roccia in esame, della geometria della superficie di scorrimento ed, opzionalmente, della falda.

Per la creazione dell'accelerogramma di progetto occorre definire la durata ed il massimo valore di accelerazione sismica previsti, il numero di onde con cui si desidera creare l'accelerogramma ed il loro periodo caratteristico.

La costruzione dell'accelerogramma Ŕ articolata in quattro fasi: selezione dell'intervallo del periodo caratteristico delle onde, suddivisione di tale intervallo in n sottointervalli, generazione delle onde sinusoidali con fase casuale ed infine somma dei contributi delle onde generate con conseguente determinazione del valore di accelerazione che compete all'accelerogramma.

Con un'analisi di tipo pseudostatico viene determinata l'accelerazione capace di portare il pendio in condizioni di equilibrio limite, assumendola come accelerazione di soglia oltre la quale si generano velocitÓ e spostamenti relativi.

Noti la durata dell'evento e l'accelerazione massima, il programma determina le velocitÓ e gli spostamenti nella direzione dello scivolamento per ogni punto dell'accelerogramma elaborato. L'elaborazione viene eseguita mediante una procedura di integrazione numerica dell'andamento noto delle accelerazioni della massa potenzialmente instabile lungo la direzione della forza precedentemente determinata.
La somma degli spostamenti calcolati ogni volta che nell'accelerogramma viene superata l'accelerazione critica determina lo spostamento totale alla fine dell'evento dinamico, il quale costituisce il parametro fondamentale tramite cui pu˛ essere giudicata la stabilitÓ del pendio in esame.

I parametri per la simulazione del sisma permettono al programma di generare diversi accelerogrammi, a partire da ciascuno dei quali potranno essere calcolate diverse condizioni di spostamento finale della massa potenzialmente instabile.

ESEMPI DI ELABORATI GRAFICI

╚ possibile vedere un esempio di elaborato grafico prodotto dal programma, senza eseguire l'elaborazione dei dati:

Diagramma della velocità, dello spostamento e dell'accelerazione durante l'evento sismico

Ed ecco il medesimo esempio preparato utilizzando il grafico in formato EMF prodotto dal programma:

Top

News  Prodotti  Come ordinare  Download  Assistenza  Come contattarci  Presentazione della GeoSoft  Mappa del sito  
© 2002 GeoSoft